Martenot au fil du net...

L’acqua spezzata di un grande artista ambientalista DIARIODELWEB.it

Publié par Martenot

Voir en ligne :

http://www.diariodelweb.it/Articolo...

L’acqua spezzata di un grande artista ambientalista · DIARIODELWEB.it

Firenze - Dipingere l’acqua. All’artista che più di ogni altro ha fatto dell’acqua fonte di ispirazione e di speranza, il Consiglio Regionale della Toscana dedica una mostra vibrante e spettacolare, che si inaugura a Firenze domani, 8 Maggio (ore 17), nella prestigiosa sede di Palazzo Panciatichi (via Cavour 2). Mostra Il Diavolo & l’AcquaSanta - Tarocchi fantastici Ippica : il Derby italiano presentato in Galleria d’Arte Moderna

L’acqua spezzata di un grande artista ambientalista

Histoires d’eau (storie d’acqua) presenta le ultime creazioni di Loris Liberatori ispirate al giardino di Ninfa, l’oasi del WWF ai piedi di Sermoneta, nel Lazio, parco di particolare suggestione e importanza, dove una vegetazione tutt’oggi incontaminata si riflette in laghi e torrenti.

Cinquantenne di La Spezia, da vent’anni trasferito a Roma dove lavora e dirige l’ École d’art Martenot , Liberatori è ormai celebre per le sue grandi tele, frantumate in pannelli, come tante finestre spalancate su una natura viva e incontaminata (www.lorisliberatori.com).

E’ una pittura a forte contenuto ambientalista, densa di suggestioni, di spessori, di paesaggi che offrono allo spettatore punti di vista nuovi e sorprendenti. L’artista si esalta elevando un inno all’acqua come fonte insostituibile di vita, di energia e di ricchezza.

Acqua e cielo, acqua e luce. Nella presentazione in catalogo, Marilena Pasquali, presidente della Fondazione Giorgio Morandi, sostiene che nell’arte di Liberatori la materia si trasforma in luce. Per questo pittore così singolare, aggiunge, « l’importante è liberare l’essenza dal superfluo, sfrondarla, ripulirla e farla brillare nella sua integra limpidezza ».

Sono molti anni, per la verità, che Liberatori racconta le sue Histoires d’eau : acqua del mare mossa dall’energia del vento e delle onde, acqua cristallina di torrenti che scorrono tra i boschi, acqua calma dei laghi dove si riflettono alberi secolari.

A emozionare la critica sono soprattutto i nuovi dipinti : « La semplificazione dell’apparato scenico e lo sciorinìo disteso dei riflessi che alleggeriscono l’immagine », scrive ancora Marilena Pasquali , « ne sottolineano il movimento segreto e trasformano tutto in pulviscolo luminoso, in effetti prismatici in cui l’elemento acquoreo vale ad ammorbidire il gioco della luce : una danza di vita che è, al tempo stesso, approdo di quiete per il viaggiatore dello sguardo, per chi riesce a vedere in questi silenziosi, vitalissimi angoli di natura una nuova, forse insperata, promessa di pace ».

Histoire d’eau, 8 - 20 Maggio, ingresso libero.

Orario : lunedì - venerdì 14 - 18, sabato 9 - 12, domenica chiuso

Catalogo di grande formato, 30 pagine, edizioni Consorti, Roma

N.B. Per entrare nella sede del Consiglio Regionale occorre esibire un documento d’identità.